Riabilitazione estetica frontale superiore con disilicato di litio

La paziente si presenta per la sostituzione di un precedente restauro protesico. I monconi residui affidabili sono stati solamente rifiniti, quelli infiltrati ritrattati e ricostruiti con materiale composito e perni in fibra di vetro. Il primo premolare superiore di sinistra è stato invece estratto e sostituito con un impianto osteointegrato. La riabilitazione finale è stata eseguita in disilicato di litio Ivoclar IPS e.max®. La corretta gestione dei tessuti molli ha permesso di ottenere un risultato estetico ottimale.

Protesi rimovibile superiore su 5 impianti e barra fresata CAD/CAM

Sono stati insetiti 5 impianti nel mascellare superiore per supportare una barra fresata CAD/CAM. La pianificazione computer-guidata ha permesso di inserire gli impianti nel poco osso residuo garantendo la massima precisione. L’intervento è stato eseguito mediante una guida a supporto mucoso. Il decorso post-operatorio è stato quindi ottimale in assenza gonfiore, sanguinamento, ematomi e dolore.

Protesi totali rimovibili su impianti e attacchi locator

La paziente presenta vecchie protesi a supporto implantare nell’arcata superiore e mista a livello dell’arcata inferiore. Gli elementi residui non sono però recuperabili. I denti vengono quindi estratti. Mediante pianificazione computer-guidata vengono inseriti gli impianti nell’arcata inferiore. Le protesi definitive vengono attivate a distanza di due mesi di guarigione.

Protesi totale telescopica su denti naturali

Paziente con edentulia parziale superiore. Gli elementi residui presentano un restauro fisso incongruo. I monconi vengono ritrattati e ricostruiti ed utilizzati quali supporto per una protesi totale rimovibile senza palato mediante delle cappe primarie in oro telescopiche frizionanti. L’utilizzo di una flangia in resina caratterizzata permette di ripristinare un’estetica ottimale.””

Perio-overdenture arcata superiore con cappe in composito

Paziente di 85 si presenta con infiltrazioni multiple a livello delle corone e otturazioni e con protesi parziale rimovibile con ganci. Le corone vengono rimosse e gli elementi residui decoronati e trasformati in attacchi a pallina. La perio-overdenture presenta degli spazi aperti tra i denti che permettono il passaggio di spazzolini interprossimali per l’igiene domiciliare.

Riabilitazione fissa su 4 impianti tipo All-On-4 mediante implantologia computer-guidata

L’implantologia computer-guidata trova la sua massima applicazione nel trattamento dei pazienti completamente edentuli. Attraverso questa pianificazione è possibile inserire gli impianti esattamente nella posizione desiderata. È inoltre possibile mantenere la distanza di sicurezza ideale dalle strutture anatomiche importanti. La tecnica All-On-4 prevede il posizionamento di 4 impianti sui quali viene fissata una protesi fissa avvitata.

Corone su impianti su monconi individualizzati CAD/CAM

La paziente presenta corone incongrue che vengono rimosse e sostituite con un ponte in zirconia-ceramica a livello del mascellare superiore. Il secondo premolare inferiore di sinistra non era recuperabile ed è quindi stato estratto. Per riabilitare la zona edentula sono stati inseriti due impianti. Sono state in seguito posizionate due corone in oro-ceramica supportate da due monconi individualizzati Atlantis® in Titanio Gold-Hue con vite passante orizzontale.

Corona in zirconia-ceamica su impianto e moncone in zirconia Atlantis®

Il paziente si è presentato per frattura di un incisivo centrale superiore. L’elemento è stato estratto e sostituito con un impianto osteintegrato immediato. A distanza di 2 mesi di guarigione è stato eseguita la connessione protesica provvisoria che ha condizionato i tessuti gengivali fino a raggiungere l’architettura ideale. La riabilitazione finale ha previsto un moncone individualizzato Atlantis® ed una corona in zirconia-ceramica.

Corona singola su dente naturale in zirconia-ceramica

La paziente presenta un vecchio restauro in amalgama infiltrato a livello del primo molare superiore di destra. Per il ripristino estetico dell’elemento di è eseguita una corona singola in zirconia-ceramica. Il colore scuro del moncone residuo viene in questo modo completamente nascosto ed il dente torna ad aver un aspetto armonico con il resto della dentatura.

Intarsio overlay in disilicato di litio Ivoclar IPS e.max

Il primo molare inferiore sinistro presenta un vecchio restauro in composito che comprende anche le cuspidi posteriori. Per ripristinare anatomia, funzione ed estetica ottimale, l’elemento viene ritrattato endodonticamente, ricostruito in composito con perno in fibra di vetro e protesizzato con un intarsio in disilicato di litio stratificato Ivoclar IPS e.max. La cementazione avviene con isolamento con diga di gomma e cementi duali in composito.

Intarsio overlay in disilicato di litio e impronta ottica

Il primo molare inferiore sinistro presenta una demineralizzazione e una amelogenesi imperfetta dello smalto. Per ripristinare anatomia, funzione ed estetica ottimale, l’elemento viene limato in maniera minimale per togliere la minor quantità possibile di tessuto dentale ed in seguito protesizzato con un intarsio in disilicato di litio stratificato Ivoclar IPS e.max. La cementazione avviene con isolamento con diga di gomma e cemento duale in composito. L’importan è stata eseguita mediante scanner intraorale Trios® 3Shape.

Otturazioni in composito su premolare e molare superiori

Otturazioni in composito a livello di secondo premolare e primo molare superiore sinistro. I denti vengono isolati con diga di gomma per mantenere il campo perfettamente asciutto. L’interposizione di fluido salivare tra dente e adesivo o materiale da otturazione compromette infatti la durata a lungo termine dei restauri. Dopo rimozione della carie e del precedente restauro, la superficie dentale viene trattaeta con mordenzante, primer ed adesivi. L’utilizzo di cunei di legno e matrici sezionali permette una corretta ricostruzione anatomica e dei punti di contatto.

Sostituzione amalgama di argento con composito

Otturazioni in composito a livello di primo molare inferiroe destro. Il restauro in amalgama di argento esistente presenta una frattura e viene pertanto sostituito. La rimozione del materiale metallico viene eseguita isolando il dente dal cavo orale mediante diga di gomma. Il dente viene come per ogni procedura sabbiato, mordenzato, trattato con primer ed adesivi ed infito otturato in materiale composito fotopolimerizzabile. La presenza di cuspidi intatte e di spessore adeguato conferisce una adeguata resistenza meccanica al restauro eseguito.