La protesi tipo all-on-four é una protesi fissa supportata da 4 impianti. La tecnica originale iniziale consisteva nell’inserimento di 2 impianti verticali anteriori e 2 inclinati posteriori a 45°. L’inclinazione dei due impianti posteriori permette di evitare le zone dove normalmente l’osso va incontro a una maggiore carenza in asenza di denti. In questo modo é possible inserire degli impianti senza dover rigenerare l’osso mancante avendo un notevole risparmio biologico, di tempo ed economico.

Gli impianti inseriti venivano poi immediatamente connessi alla protesi totale esistente il giorno stesso dell’intervento, ottendendo quindi una protesi fissa su impianti a carico immediato.

Questo tecnica permetteva e permette tuttora di riabilitare i pazienti completamente edentuli in maniera veloce e relativamente semplice ed economica (se paragonata alle ricostruzioni osse) spesso riutilizzando la stessa protesi del paziente (se eseguita correttamente).

Con il passare del tempo la tecnica all-on-four si é evoluta ed é diventata sempre più utilizzata anche con delle varianti: impianti a carico differito (dopo la guarigione), impianti inserite in osso rigenerato, protesi definitive più complesse (anima metallica), eccetera.

Per aumentare la precisione di posizionamento é possibile ovviamente ricorrere all’implantologia computer-guidata in modo da calcolare con molta precisione la posizione e l’inclinazione degli impianti ancora prima di eseguire l’intervento.

Al giorno d’oggi tutte le marche impantari di prima fascia hanno le componenti necessarie per l’esecuzione di protesi fisse  su impianti tipo all-on-four che rimane però un marchio registrato della ditta Nobel Biocare.

icon